Now loading.
Please wait.

Pillole Fiscali

In seguito alla pubblicazione della Legge di Stabilità 2015 sulla Gazzetta Ufficiale, il prof. Francesco Paolo Cirillo (commercialista di fiducia del Collegio) ha estrapolato gli argomenti di maggiore interesse per i professionisti in ambito medico-sanitario.

In allegato la pillola sua fiscale.

 

Il Ministro Guidi ha convocato un tavolo tecnico per il giorno 16 luglio alle ore 15,00 afferente le  problematiche sul costo e sulle singole transazioni bancarie per il “Pos”, quale mezzo tracciabile  per i pagamenti superiori a € 30,00, relativi a Prestazioni Professionali rese.

E’ importante riscontrare che alla Riunione parteciperanno anche il Ministro dell’Economia, la  Banca d’Italia e il Consorzio Bancomat, per dare maggiore riscontro all’attuale problematica.


Prof. Francesco Paolo Cirillo

In seguito alla pubblicazione della Legge di Stabilità 2016 sulla Gazzetta Ufficiale, il prof. Francesco Paolo Cirillo (commercialista di fiducia del Collegio) ha esaminato i 999 commi, estrapolando gli argomenti di maggiore interesse per i professionisti in ambito medico-sanitario.

L’attenzione viene focalizzata sulla trasmissione dei dati sanitari, regime forfettario, imu/tasi, assunzione e pagamenti con strumenti elettronici e imposte dirette. In quest’ultimo punto rientrano le possibili detrazioni, esenzioni Irap e ammortamento dei beni strumentali.

In allegato le pillole fiscali del prof. Cirillo

La Legge di Stabilità 2014 ha previsto, a partire dal 1° Gennaio 2014, una nuova imposta, denominata IUC, Imposta Unica Comunale, la quale è formata da tre componenti: TASI – IMU – TARI.


Focalizziamo la nostra attenzione sulle componenti TASI e IMU.


A differenza dell’anno 2013, la Legge di Stabilità 2014, ha introdotto, oltre all’imposta IMU, che ha subito comunque delle modifiche, un altro tributo che colpisce il possesso di immobili, la cosiddetta TASI – Tributo per i Servizi Indivisibili.

Il presupposto per l’applicazione di questo nuovo tributo è quindi il possesso o la disponibilità, a qualsiasi titolo, di fabbricati, inclusa l’abitazione principale, ad esclusione invece dei terreni agricoli.


Focalizziamo l’imposta IMU.

Il 2014 inizia con una scadenza fiscale non prevista, vale a dire il versamento della “MINI - IMU 2013”. Si tratta di un conguaglio - che trae origine dal d.lgs 133/2013 - il quale non è riuscito a reperire fondi finanziari tali da poter cancellare, in maniera definitiva, il saldo IMU 2013.

L’IMU per l’anno 2014 non sarà (o almeno non dovrebbe essere) versato dai titolari di un diritto reale sull’immobile adibito ad abitazione principale del proprio nucleo familiare.

La Legge di Stabilità 2014, al comma 680, definisce il pagamento di questa piccola differenza - per l’anno fiscale 2013 - dal 16 al 24 gennaio 2014.