Now loading.
Please wait.

L’Assemblea del Collegio Professionale TSRM Na-Av-Bn-Ce, riunitasi in seduta straordinaria martedì 18 dicembre 2017, ha rilevato aspetti controversi circa le modalità attuative previste dalla Federazione Nazionale TSRM inerenti l’obbligo previsto dalla legge Gelli (n. 24 dell’8 marzo 2017) di sottoscrivere una polizza assicurativa, a partire dal 2018, per tutti gli esercenti le professioni sanitarie. 

Il costo della polizza dovrebbe essere incluso nella tassa annuale di iscrizione al Collegio, pena il pagamento della morosità per gli inadempienti. 

Altra questione sollevata nel corso dell’Assemblea riguarda gli iscritti già titolari di una polizza personale: anche in questo caso sarebbe scattato l’obbligo previsto dalla legge? 

Già nel corso dell’ultimo Consiglio Nazionale TSRM il  Consiglio Direttivo del nostro Collegio aveva espresso il proprio parere negativo al “provvedimento”, in quanto contrario all’imposizione calata dall’alto  e alla mancata pubblicazione  dei  decreti attuativi,  che non permette di scegliere liberamente la Compagnia con cui assicurarsi  (ne abbiamo parlato qui: http://tsrmcampania.it/news/41-normativa/1004-approvata-l-assicurazione-obbligatoria-la-posizione-del-collegio.html).  

Per questo motivo l’Assemblea ha deliberato a maggioranza di non aderire per il 2018 al provvedimento assicurativo adottato dalla Federazione Nazionale e, in attesa dei decreti attuativi, di implementare la comunicazione a favore dei propri iscritti circa la materia e di posticipare al 2019  l’eventuale adesione.

 

Add comment


Security code
Refresh

Comments   

#1 GIUSEPPE OPPIO 2017-12-25 20:22
SALVE. VORREI CHIARIMENTI RIGUARDO LA POLIZZA ASSICURATIVA, IN PARTICOLARE PER CHI, COME ME, E' SOLO ISCRITTO ALL ALBO, MA NN ESERCITA LA PROFESSIONE DI TECNICO RADIOLOGO. INOLTRE VORREI SAPERE SE E' POSSIBILE RINUNCIARE ALLA VOSTRA PEC, TROPPO CARA, E FARMENE UNA MIA PERSONALE.
SALUTI