Now loading.
Please wait.

Orari di apertura

MARTEDI' 15.00-20.00

GIOVEDI' 11.00 - 13.00 / 17.00 - 19.00

 

Recapiti

Telefono: +39 081 743 33 42

FAX: +39 081 196 55 620

Indirizzo P.E.C. (Posta Elettronica Certificata): Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Indirizzo

II trav. Via Nicolardi, 32
(Parco Avolio)
Napoli (NA) 80131

JavaScript deve essere attivo per utilizzare Google Maps.
Sembra infatti che JavaScript sia disabilitato o non supportato dal tuo browser.
Per visualizzare le Google Maps, attiva JavaScript modificando le opzioni del tuo browser e poi riprova.

1) Parte introduttiva.

 1.1) Il Tecnico Sanitario di Radiologia Medica è un operatore tecnico-sanitario che si rivolge all'uomo sano o malato. Secondo la legislazione vigente la sua attività si inquadra nella professione di Tecnico Sanitario di Radiologia Medica, per la quale vi è l'obbligo di iscrizione all'Albo, anche per chi opera nel settore pubblico. In collaborazione diretta con il Medico Radiologo specialista e a fronte delle indicazioni fornite dal Medico richiedente, programma e gestisce l'erogazione di prestazioni polivalenti nei campi della radiologia tradizionale, digitale, delle grandi apparecchiature di immagine, della radioterapia, della medicina nucleare, della fisica sanitaria, utilizzando tutti i tipi di radiazioni ionizzanti e non, a scopo preventivo, diagnostico, terapeutico, didattico e di ricerca. Egli assume la responsabilità degli atti di sua competenza, in particolare controllando il corretto uso delle apparecchiature a lui affidate, esprimendo un parere nella fase di installazione, di collaudo, e dopo le riparazioni, realizzando i programmi di controllo e garanzia di qualità. Partecipa altresì alla determinazione della politica professionale e sanitaria (Legge n. 1103/65, D.P.R. n. 680/68, Legge n. 25/83).

Scarica la versione pdf integrale del codice deontologico:

Ai fini della cancellazione dall'Albo, per pensionamento o non esercizio della professione, è necessario presentare alla Segreteria personalmente o tramite casella di Posta Elettronica Certificata del richiedente (all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) ovvero tramite raccomandata A/R anticipata via FAX, allegando un documento di riconoscimento, il seguente modulo:

In caso di decesso, gli eredi dovranno effettuare la cancellazione compilando il seguente modulo (Download non disponibile) e consegnandolo alla Segreteria.

 

Ricordiamo che la Segreteria, sita in II trav. Via Nicolardi, 32 (parco Avolio) - 80131 Napoli, 
è aperta al pubblico nei seguenti orari:

 

MARTEDI' 15.00-20.00

GIOVEDI' 11.00 - 13.00 / 17.00 - 19.00

 

Per ottenere il trasferimento al Collegio Professionale Interprovinciale di Napoli, Avellino, Benevento e Caserta è necessario compilare in tutte le sue parti il modulo di richiesta trasferimento e presentarlo alla nostra Segreteria con le seguenti modalità:

 

  •     Via fax, al numero: +39 081 743 33 42

  •     Fisicamente, presso la nostra sede: II trav. Via Nicolardi, 32(Parco Avolio) - 80131 Napoli

Per l'iscrizione all'Albo è necessario presentare alla Segreteria del Collegio Professionale Interprovinciale di Napoli, Avellino, Benevento e Caserta:

  • - il modulo d'iscrizione compilato in ogni sua parte: 

  • - i seguenti documenti:
    1. - Marca da Bollo da € 16,00 (da portare al Collegio)
    2. - Certificato di nascita
    3. - Certificato di residenza
    4. - Certificato di cittadinanza
    5. - Certificato del casellario giudiziale con marca da € 16.00 (da richiedere al Tribunale)
    6. - Certificato di Laurea
    7. - n.2 foto formato tessera
    8. - attestazione di pagamento per Tassa Iscrizione Albo Professionale di euro 168,00 da effettuare a mezzo ccp n. 8003 su modulo intestato all’Ufficio Tasse Concessioni Governative di Pescara (codice tassa:8617) - da richiedere agli Uffici Postali
    9. - attestazione di pagamento per quota iscrizione Albo Professionale di € 100,00 da effettuare a mezzo bonifico bancario:
      intestato a: Collegio Interprovinciale Tecnici Sanitari di Radiologia Medica
      banca: Fideuram
      IBAN: IT18Y0329601601000066421856
    10. - Fotocopia della tessara sanitaria indicante il Codice Fiscale
    11. - Fotocopia carta d’identità
    12. - € 20.00 per tesserino di riconoscimento, contrassegno auto e attivazione PEC

    I certificati di cui ai punti 2-3-4, possono essere sostituiti da un modulo compilato presso la Segreteria del Collegio, dietro presentazione dell’interessato di fotocopia carta identità e codice fiscale.

    L’iscrizione avverrà nel termine di tre mesi. Non si accettano documentazioni incomplete.

    ---LE ISCRIZIONI SI EFFETTUANO NEI GIORNI E NEGLI ORARI DI APERTURA DEL COLLEGIO--

    Scarica e stampa la lista dei documenti necessari:

Ricordiamo che la Segreteria, sita in II trav. Via Nicolardi, 32 (parco Avolio) - 80131 Napoli,
è aperta al pubblico nei seguenti orari:

MARTEDI' 15.00 - 20.00

GIOVEDI' 11.00 - 13.00 / 17.00 - 19.00

Una volta pervenuta tutta la documentazione, e verificati i requisiti, il Consiglio Direttivo potrà deliberare l'iscrizione all'albo.

Trattamento dei dati personali e Privacy ai sensi dell’art. 13 D.lgs. 196/2003

La presente Privacy Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione del portale web tsrmcampania.it del Collegio Professionale Interprovinciale dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica di Napoli, Avellino, Benvento e Caserta (di seguito "Collegio"), in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti/visitatori che lo consultano.

Il Collegio tratta tutti i dati personali degli utenti/visitatori dei servizi offerti, nel pieno rispetto di quanto previsto dalla normativa nazionale italiana in materia di privacy e, in particolare del D. Lgs. 196/2003.

L'acquisizione dei dati, che possono essere richiesti, è il presupposto indispensabile per accedere ai servizi offerti sul sito. Il Collegio conserva i dati tecnici relativi alle connessioni (log) per consentire i controlli di sicurezza richiesti dalla Legge e al fine di migliorare la qualità dei servizi offerti e personalizzarli in relazione alle esigenze degli utenti/visitatori.

I dati inseriti possono essere utilizzati dal Collegio anche al fine di inviare messaggi di posta elettronica contenenti comunicazioni.

I dati personali, raccolti e conservati in banche dati del Collegio, sono trattati da dipendenti e/o collaboratori del titolare del trattamento in qualità di incaricati. Non sono oggetto di diffusione o comunicazione a Terzi, se non nei casi previsti dalla informativa e/o dalla Legge e, comunque, con le modalità da questa consentite.

Il Collegio provvede, in conformità con le vigenti disposizioni di legge in materia, alla registrazione dei file di log. Tali dati non consentono un'identificazione dell'utente se non in seguito ad una serie di operazioni di elaborazione e interconnessione, e necessariamente attraverso dati forniti da altri provider. Operazioni che potranno essere effettuate esclusivamente su richiesta delle competenti Autorità Giudiziarie, a ciò autorizzate da espresse disposizioni di legge atte a prevenire e/o reprimere i reati.

Sul sito tsrmcampania.it, sono utilizzati dei marcatori temporanei (cookie). Per cookie si intende il dato informativo, attivo per la durata della connessione, che viene trasmesso da tsrmcampania.it al computer dell'utente al fine di permettere una rapida identificazione. L'utente può disattivare i cookie modificando le ipostazioni del browser. Si avverte che tale disattivazione potrà rallentare o impedire l'accesso a tutto o parte del sito.

tsrmcampania.it utilizza il servizo Google Analytics per generare statistiche di accesso alle pagine del sito, per analisi di traffico interno. I dati forniti da Google Analytics non permettono in alcun modo di identificare il singolo utente che interagisce sulle pagine del sito, ma riporta informazioni aggregate su quali siano le dinamiche di navigazione all'interno del sito, il numero di utenti unici e di pagine visualizzate.

L'invio da parte degli utenti/visitatori di propri dati personali per accedere a determinati servizi, ovvero per effettuare richieste in posta elettronica, comporta l'acquisizione da parte del Collegio dell'indirizzo del mittente e/o di altri eventuali dati personali. Tali dati verranno trattati esclusivamente per rispondere alla richiesta, ovvero per la fornitura del servizio, e verranno comunicati a terzi solo nel caso in cui sia necessario per ottemperare alle richieste degli utenti/visitatori stessi.

Il trattamento viene effettuato attraverso strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per i quali i dati sono stati raccolti e, comunque, in conformità alle disposizioni normative vigenti in materia. 
Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

Il Collegio non può farsi carico della responsabilità di qualsiasi accesso non autorizzato né dello smarrimento delle informazioni personali al di fuori del proprio controllo.

Il titolare del trattamento dei dati è il Collegio Professionale Interprovinciale dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica di Napoli, Avellino, Benvento e Caserta, sede II trav.via Nicolardi 32, 80131 Napoli (NA), telefono/fax 0817433342 che potrà utilizzarli per tutte le finalità individuate nell'informativa specifica fornita in occasione della sottoscrizione dei vari servizi.

Gli utenti/visitatori hanno facoltà di esercitare i diritti previsti dall'art. 7 del D. Lgs. 196/03. In ogni momento, inoltre, esercitando il diritto di recesso da tutti i servizi sottoscritti, è possibile chiedere la cancellazione totale dei dati forniti.

Art. 7. Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti

1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:

a) dell'origine dei dati personali; 
b) delle finalità e modalità del trattamento; 
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; 
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2; 
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

3. L'interessato ha diritto di ottenere:

a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; 
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; 
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:

a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta; 
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

Art. 12 c. 1 d. lgs 33/2013 – Fermo restando quanto previsto per le pubblicazioni nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana dalla legge 11 dicembre 1984, n. 839, e dalle relative norme di attuazione, le pubbliche amministrazioni pubblicano sui propri siti istituzionali i riferimenti normativi con i relativi link alle norme di legge statale pubblicate nella banca dati «Normativa» che ne regolano l’istituzione, l’organizzazione e l’attività. Sono altresì pubblicati le direttive, le circolari, i programmi e le istruzioni emanati dall’amministrazione e ogni atto che dispone in generale sulla organizzazione, sulle funzioni, sugli obiettivi, sui procedimenti ovvero nei quali si determina l’interpretazione di norme giuridiche che le riguardano o si dettano disposizioni per l’applicazione di
esse, ivi compresi i codici di condotta.
Il Collegio TSRM NA-AV-BN-CE mette a disposizione di cittadini tutte le norme nazionali o regolamentari che guidano il funzionamento dell’amministrazione. In particolare sono state distinte le norme nazionali, i regolamenti interni, i codici di comportamento e gli atti amministrativi interni.

Leggi nazionali Link
Decreto Legislativo del Capo Provvisorio dello Stato 13 settembre 1946, n. 233 Ricostituzione degli Ordini delle professioni sanitarie e per la disciplina dell’esercizio delle professioni stesse. (GU n.241 del 23-10-1946 ); e s.m. e i. Link a normativa
Decreto del Presidente Della Repubblica 5 aprile 1950, n. 221 Approvazione del regolamento per la esecuzione del decreto legislativo 13 settembre 1946, n. 233, sulla ricostituzione degli Ordini delle professioni sanitarie e per la disciplina dell’esercizio delle professioni stesse. (GU n.112 del 16-5-1950 – Suppl. Ordinario); e s.m. e i. Link a normativa
Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n. 165 Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche. (GU n.106 del 9-5-2001 – Suppl. Ordinario n. 112 ); e s.m. e i. Link a normativa
Decreto legislativo 31 dicembre 2012, n. 235 – Testo unico delle disposizioni in materia di incandidabilità e di divieto di ricoprire cariche elettive e di Governo conseguenti a sentenze definitive di condanna per delitti non colposi, a norma dell’articolo 1, comma 63, della legge 6 novembre 2012, n. 190. (GU n.3 del 4-1-2013); e s.m. e i. Link a normativa
Decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101 – Disposizioni urgenti per il perseguimento di obiettivi di razionalizzazione nelle pubbliche amministrazioni. (13G00144) (GU n.204 del 31-8-2013 ) convertito con modificazioni dalla L. 30 ottobre 2013, n. 125 (in G.U. 30/10/2013, n.255); e s.m. e i. Link a normttiva
Decreto legislativo 8 aprile 2013, n. 39 “Disposizioni in materia di inconferibilità e incompatibilità di incarichi presso le pubbliche amministrazioni e presso gli enti privati in controllo pubblico, a norma dell’articolo 1, commi 49 e 50, della legge 6 novembre 2012, n. 190“;e s.m. e i. Link a normativa
Decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”; e s.m. e i. Link a normativa
Decreto del Presidente della Repubblica 7 agosto 2012, n. 137 Regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dell’articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011, n. 148. (12G0159) (GU n.189 del 14-8-2012 ) e s.m. e i. Link a normativa
Legge 6 novembre 2012, n. 190. “Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione”; e s.m. e i. Link a normativa
Decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n. 150. Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni. Link a normativa
Legge 4 marzo 2009, n. 15. Delega al Governo finalizzata all’ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e alla efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni nonché disposizioni integrative delle funzioni attribuite al Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro e alla Corte dei conti. Link a normativa

 












Il Collegio TSRM NA-AV-BN-CE- precisa che data la governance aziendale, la peculiarità dell’ente nonché le articolazioni sul territorio, in luogo della costituzione dell’ O.I.V. è allo studio la fattibilità di costituzione di un analogo organismo. 

Quanto sopra anche ai sensi dell’art. 2 comma 2-bis del DL 31 agosto 2013, n. 101 “Disposizioni urgenti per il perseguimento di obiettivi di razionalizzazione nelle pubbliche amministrazioni” – convertito con modificazioni dalla L. 30 ottobre 2013, n. 125 (in G.U. 30/10/2013, n.255 (cit.“Art.2-bis. Gli ordini, i collegi professionali, i relativi organismi nazionali e gli enti aventi natura associativa, con propri regolamenti, si adeguano, tenendo conto delle relative peculiarità, ai principi del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, ad eccezione dell’articolo 4, del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, ad eccezione dell’articolo 14, nonché delle disposizioni di cui al titolo III e ai principi generali di razionalizzazione e contenimento della spesa, in quanto non gravanti sulla finanza pubblica”).

Il Collegio TSRM NA-AV-BN-CE- precisa che data la governance aziendale, la peculiarità dell’ente nonché le articolazioni sul territorio, in luogo della costituzione dell’ O.I.V. è allo studio la fattibilità di costituzione di un analogo organismo.

Quanto sopra anche ai sensi dell’art. 2 comma 2-bis del DL 31 agosto 2013, n. 101 “Disposizioni urgenti per il perseguimento di obiettivi di razionalizzazione nelle pubbliche amministrazioni” – convertito con modificazioni dalla L. 30 ottobre 2013, n. 125 (in G.U. 30/10/2013, n.255 (cit.“Art.2-bis. Gli ordini, i collegi professionali, i relativi organismi nazionali e gli enti aventi natura associativa, con propri regolamenti, si adeguano, tenendo conto delle relative peculiarità, ai principi del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, ad eccezione dell’articolo 4, del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, ad eccezione dell’articolo 14, nonché delle disposizioni di cui al titolo III e ai principi generali di razionalizzazione e contenimento della spesa, in quanto non gravanti sulla finanza pubblica”).